Non Siamo Mai Quelli di Una Volta

by Maria Messina

/
  • Streaming + Download

    Includes high-quality download in MP3, FLAC and more. Paying supporters also get unlimited streaming via the free Bandcamp app.
    Purchasable with gift card

      name your price

     

  • Compact Disc (CD) + Digital Album

    CD originale, completo di involucro e libretto (4 pagine) con testi.
    Spese di spedizione incluse!

    Includes unlimited streaming of Non Siamo Mai Quelli di Una Volta via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    ships out within 7 days

      €15 EUR or more 

     

1.
2.
3.
4.
5.
6.
04:20
7.
8.

credits

released January 1, 2018

Maria Messina: voce, cori, pianoforte, basso elettrico, chitarra acustica, chitarra elettrica, flauto dolce, suonini vari
Paolo Rigotto: batteria, percussioni, chitarra elettrica
Laura Masotto: violino, violino elettrico
Marco Di Giuseppe: Sax tenore, sax contralto

license

all rights reserved

tags

about

Maria Messina Torino, Italy

Le sue ballate, tenere e drammatiche, sono costellate di suoni evocativi fiabe gotiche, richiami folk con echi celtici, misticismi dark: Maria Messina impara a ipnotizzare l’ascoltatore attraverso un pop onirico ed etereo, come gli incantesimi delle streghe. ... more

contact / help

Contact Maria Messina

Streaming and
Download help

Track Name: Vorrei Sempre Malessere
Vorrei Sempre Malessere

Non sono pollici quelli che scelgono, quelli che perdono
Non è la morte che porta al pensiero
E quella che chiami passione è passione davvero

Non sono favole quelle che illudono, quelle che invadono
Non è la morte che ti distingue
Ma l’essere ha perso ragione di esistere

La vita che facciamo dove conduce? Ad essere peggiori a rimpiangere quell’ombra più libera della luce. Se non ti vuoi vestire rimani nudo e senza alcun riparo rimpiangerai quell’ombra più libera anche del buio.

Non sono regole quelle che scavano, quelle che lavano
Non è la morte che genera l’odio
Vesti di specchi e ameranno il tuo abito

La vita che facciamo dove conduce? Ad essere peggiori a rimpiangere quell’ombra più libera della luce. Se non ti vuoi vestire rimani nudo e senza alcun riparo rimpiangerai quell’ombra più libera anche del buio.

E beh, non sai riconoscere più il profumo di un fiore
Ma te ne intendi di un sacco di cose
E più ne vendi più sono preziose
E più ne vendi più ne capisci
Ti lavi nell’acqua nella quale pisci

La vita che facciamo dove conduce? Ad essere peggiori a rimpiangere quell’ombra più libera della luce. Se non ti vuoi vestire rimani nudo e senza alcun riparo rimpiangerai quell’ombra più libera anche del buio.

Non sono lacrime quelle che scendono, quelle che vendono
Non è la morte che crea un sentimento
E il mio dolore è qualcosa che ho dentro
Track Name: Odio Fare Shopping
Odio Fare Shopping

Alla mia età (tutti mi dicono che non è vero)
Alla mia età credersi altro non è sincero
Non l’ho mai fatto e un po’ me ne pento
Ma io credevo che così facendo
Sarei arrivata di fronte a uno specchio vedendomi dentro.
Dove sarà? (è giunto il momento di farti aiutare)
Dove sarà lo stato di quiete dov’essere senza spiegare
Che le parole sono importanti
E a certi porci ho donato diamanti
Che senza la faccia da culo appropriata non sembran brillare.
E non so ridere più perché mi fa sentire superiore
Mentre non c’è niente da ridere se per la pigrizia dei vostri intestini
C’è gente che vive aspettando un po’ di giustizia
O di ottenere un po’ di saggezza
E poi incontra dei vecchi stronzi.
Vado di là (perché devi fare quella asociale)
Vado di là perché non mi sento per niente attuale
E se si parla di ingiustizia subita
Di non riuscire a dormire ah, la vita!
Penserei che a mangiare merda non avresti la pelle così pulita.
Come si fa (Tutto un giorno ti servirà)
Come si fa a non rendersi conto del fumo che gira
E cuoce l’arrosto che sale di prezzo
Andiamo tutti a cena a casa mia
A dimostrare che i rutti ben fatti non sono poesia.
E non so piangere più, così tu credi che stia bene
Mentre piangere è un modo economico per capire cosa si vuole
E sentirsi onesti nei propri confronti
E ricordare che di questi tempi
L’eleganza è riconosciuta soltanto da quello che indossi e dove lo compri.
Track Name: Adesso Dopo Ieri
Adesso Dopo Ieri

Non sempre i denti cadono dal dolore e per sopportare la testa non bastano due ore di analgesici, di autoanalisi. È più facile spiegarsi usando pessime parole, che non disegnano e non possono fare tua una situazione, limpide e vuote come gli occhi chiari che pensano sempre al mare. Se ho finito i soldi è perché li ho usati, mentre invece i sogni li ho dimenticati. Li sento nel cervello tutti i miei spilli di riflessione e il cibo spazzatura che crea un futuro per la mia digestione, i baci amari, troppo rari. Sbagliare le emozioni in un’ipnosi di incoscienza, comprimere i pensieri perché in fondo ci spaventa il consenso della pioggia, dei vuoti temporali, del buio dentro al mare. Se ho finito i soldi è perché li ho usati, mentre invece i sogni li ho dimenticati.
Track Name: Pensiero Estivo a Marzo
Pensiero Estivo a Marzo

La smetti di dire che faccio incubi per colpa del kebab?
Digiuno di Giugno per mettere il costume anche in città
Gente, lucida e appiccicosa, nessuno ha più la pelle rosa pallido
E spero che non venga mai di moda
I piedi non hanno pudore, estivi svelano l’odore nostalgico
Di asciugamani, acqua, sabbia e sole

E mi porti le vacanze sul computer
Ma non sento i campanacci delle mucche
Mi stanco ma non faccio niente di utile

Ho perso il respiro, sarà tornato a bere in qualche bar
Il ghiaccio si scioglie, rimpiango i vecchi muri di tanti anni fa
Gente, tantissima e rumorosa, domani tanto si riposa, è Sabato
Davvero il Sabato non si lavora?
Mani, che spostano calore, si aggiornano su quante ore mancano
A quella festa dove possono svenire

E mi porti le vacanze sul computer
Ma non sento i campanacci delle mucche
Mi stanco ma non faccio niente di utile per me.
Track Name: Parole Sdrucciole
Parole Sdrucciole

Disegno stelle su pagine piene di frasi più o meno poetiche, buoni propositi, qualche scaletta, scadenze e bestemmie ridicole.
Mi sento stupida, mi sembra di perdere. Questione di etica, sbalzi d'umore, tingo i capelli e credi che sia schizofrenica.

Sono stufa di essere una specie di giovane.
Non ho tempo di vivere, mi invecchiano le mani e soffro ancora per amore.
Non puoi stare con me.
Non puoi scegliere me.
Non puoi stare con me perché sono inabbinabile.

E non so scrivere e nemmeno fingere che tu sia simpatico con quel sorriso di chi ce l'ha fatta perché un poco aristocratico.
Mi metto in gioco, osservo il prodotto che ho elaborato, edulcorato, come galleggiano splendide parole sdrucciole.

Sono stufa di essere una specie di giovane.
Non ho tempo di vivere, mi invecchiano le mani e non sopporto troppe cose.
Non puoi stare con me.
Non puoi scegliere me.
Non puoi stare con me perché sono inabbinabile.
Track Name: Il Silenzio
Il Silenzio

Non raccogliere i perché,
in disordine lasciano spazio anche ai se,
e poi ti lamenti,
per non perdere tutto non conservi niente.
E grazie a un odore ricordi il calore di un tempo
e scopri che le cose belle rimangono dentro
e vuoi viaggiare, vuoi ballare, vuoi andare e puoi.

E perché non capisco se è più difficile lasciarsi o stare insieme,
è per te che suona il disco mentre tutti non sanno che parlare
e parli anche tu.

Non raccogliere i perché,
il silenzio sa esprimersi meglio di me,
e guardi nel vuoto,
delle immagini piangono nella tua mente.
E grazie a uno sguardo ritrovi la pace che hai perso
e sai che ci amiamo soltanto in un modo diverso
e vuoi gridare, vuoi viaggiare, vuoi restare e puoi.

E perché non capisco se le parole fanno bene o fanno male,
è per noi che suona il disco, è il momento di mettersi a ballare
e balli anche tu.
Track Name: Ho Smesso Di Mangiarmi Le Unghie
Ho Smesso di Mangiarmi le Unghie

Non vuoi perdere tempo con me
Ma ti piaceva perdere tempo insieme
Mentre la polvere scandiva le ore lentissime.

Odii le responsabilità
Ma ti piaceva sentirne il profumo
Mentre le tenebre stavano fuori e anche dentro, tantissime.

Non riesco a non pensare ma non so a cosa penso
Perché dentro al mio cranio c’è poco spazio
E pare che niente abbia senso
Non riesco a non pensare ma non so a cosa penso
Dopotutto lo spazio è infinito ed è claustrofobico questo scompenso

Odio questa tranquillità
Ma ci piaceva inventare delle oasi di pace
Per prendere un po’ di respiro, per affrontare le ore lentissime.

Non vuoi prendere tempo con me
Ma ti piaceva lasciare in sospeso le cose
Cadevano fiori, foglie, gocce di neve, tantissime.
Track Name: Il Nostro Futuro è Anteriore
Il Nostro Futuro è Anteriore


Saremo lampi senza tuoni
Collasseremo sopraffatti dai suoni
Non potremo parlare e dirci le cose più belle
Cercheremo i nostri occhi e troveremo le stelle

Non abbiamo più pelle ma ne ricordiamo l’odore
Non dobbiamo fidarci per forza, l’istinto non ci fa dubitare
Posso sentire che io mi dissolvo con te, io mi diffondo con te

Saremo pioggia senza peso
Ondeggeremo guidati da un conforto improvviso
Avremo le chiavi per poter uscire da tutte le porte
Troveremo le nostre voci sui tasti di un pianoforte

Le sentiamo distorte ma ne percepiamo il colore
Travolti dal vuoto e liberi di non sapere dove andare
Posso sentire che io mi dissolvo con te, io mi diffondo con te

Quando il tempo si ferma il tormento diventa desiderio di vita

If you like Maria Messina, you may also like: